KODE_1 the CLUB

SAVE THE DATE

Search the event

20.02.015
AV-K live
+ Lillo D j set
powered by White Noise Generator

Torna la collaborazione tra KODE_1 e White Noise Generator.
Il progetto è una ricerca che propone la ‘sperimentazione’ come input per la creazione artistica contemporanea e per la ricerca di nuove metodologie, considerando il ‘risultato imprevedibile’ elemento fondamentale per l’esperienza creativa.
Attraverso l’ibridazione tra le prospettive si sviluppa un’entità innovatrice, per forma e per contenuto, che offre all’ascoltatore/osservatore la possibilità di andare oltre i convenzionali clichés di fruizione. L’obbiettivo del progetto è offrire un’esperienza sensoriale e percettiva in continuo divenire, nella quale si coniugano sonorità acustiche ed elettroniche (live electronics) e immagini evocative (generative visual art/illustrazioni collage/video documentari) che guidano l’ascoltatore attraverso strade inaudite.

///////////////////////////////////////////////
AV-K
“…un minimalismo dell’animo che richiama alla mente Fabio Orsi, Murcof e Rafael Toral..si fa suono lo scenario pre-disastro così ben affrescato da Von Trier nel suo Melancholia”
(Antonio Ciarletta / BlowUp)

Anacleto Vitolo, attivo con vari moniker e collettivi quali AV-K, K.Lone, Kletus Kaseday, Framedada e Algebra del Bisogno inizia il suo percorso musicale nel 1998 come dj Hip Hop. Poco dopo comincia ad interessarsi alla produzione musicale. Nel 2008 partecipa alle selezioni per il Meitech 2008 (Meeting delle etichette indipendenti – sez musica elettronica) attestandosi come l’unico vincitore del Sud Italia . Nel 2010 partecipa al festival FLUSSI 2010 calcando lo stesso palco che vede coinvolti maestri dell’elettronica contemporanea quali Murcof, Thomas Fehlmann, Mokira, Mount Kimbie, etc. Opening act per diversi artisti della scena italiana e internazionale come Murcof, Thomas Fehlmann, Vladislav Delay, Retina.it, Emanuele Errante, Mokira, Mount Kimbie etc.
Nel 2013 firma un contratto di pubblicazioni per 12 brani con l’inglese FatCat rec.
All’attivo diverse collaborazioni e release, tra cui sonorizzazione di film muti e colonne sonore per spot pubblcitari:

⁃ “Kletus Kaseday” (demo 2008)
⁃ “Un’ostinato risalire o dell’estremo tra poesia ed elettronica” – (poetry, industrial, electronic) – FRAMEDADA (2011 – RXSTNZ REC/Ninja lab.)
⁃ “X” as Kletus Kaseday (Industrial, experimental, post-core, dubstep) – (2011 RXSTNZ REC.)
⁃ “Enchantment” – K.lone – (Ambient, glitch,electronic) – (2012 – Marte rec.)
⁃ “Internos” – A.rota.b & Kletus K. – (avantgarde rap, experimental, hip hop) (2012 – AV-K prod.)
⁃ “Pantin” – Amè Pantin (drums & live electronics – Oaf rec & AV-K prod. 2013) (Noise / industrial / Folk)
⁃ “A centripetal fugue” – AV-K (Laverna -31/01/14) (Ambient / drone)
⁃ “Algebra del Bisogno” – Algebra del Bisogno (AV-K prod. 2014) (poetry/ambient/classical/avantgarde)

///////////////////////////////////////////////
LILLO

ha iniziato a selezionare musica da proporre come dj nei primi anni ’90 iniziando ben presto ad essere apprezzato in vari clubs e one night in Italia e all’estero (Cellar club, Snoopy, D.N.A., Blob, TheFlame, Divinae Follie, Jubilee, ZenZero/Re-set, Mavu’, FarFLY, WeTalk, Demode’, Boscoverde, Eremo, Obscura, etc… (Bari) Alter Ego (Verona), Prince (Riccione), Echoes (Misano Adriatico), Cassero (Bologna), Tunnel, Plastic, Rocket (Milano), TheCross (London), Mikz, Homopatik @ AboutBlank (Berlin) etc..), gradendo anche brevi incursioni nel mondo della radio (Altraradio, Rete Selene, Radio Company). Ha condiviso la consolle con i piu’ grandi nomi del dj’ing mondiale: dai piu’ storici (Louie Vega, David Morales, Ralf, Flavio Vecchi, Ricky Montanari, Murk, Dimitri from Paris, Kerri Chandler …) ai piu’ interessanti contemporanei (Derrick Carter, Thomas Brinkmann, A guy called Gerald, Omid 16b, Craig Richards, Blackstrobe & I.Smagghe, Troy Pierce, Onur Ozer, Kiki & Silversurfer, Ellen Allien, R. Whrume & Whignomy Brothers, Guido Schneider, Alex Smoke, Cassy, Alessio Mereu, Ryan Crosson, Shaun Reeves, Seth Troxler, Marc Houle, Barem, Donato Dozzy, Frivolous, Rebolledo, Dfa, Henrik Schwarz, Patrice Scott, Jus’ Ed, Matthew Jonson, Ame, Barnt, Romare, Portable, Brawther, Edoardo DeLa Calle …).Ha collaborato inoltre alla realizzazione di eventi musicali come concerti e dj sets (Elettrowave – Elita), ha recensito musica su diverse testate specializzate e ha all’attivo un vinile per l’italiana LEVEL ONE (Kali feat Maavir – Arati – Re-vox records). E’ stato cellula generante con i dj-producers Distant Memories, Arpino e Andrea Fiorito del progetto-collettivo audio-video 4Dialogue e dell’ ensamble U.D.O. / Unidentified Dj Orchestra con Dino Lupelli e dj Tuppi B.
Il genere musicale che attualmente propone spazia a seconda delle esigenze tra house, old school, deep, electro, techno, dub, toccando sonorita’ e influenze di ogni genere: rock, jazz, funk, reggae, soul… sempre pero’ con un unico comune denominatore ovvero la ricerca e la proposta di musica di qualità’.

* Homepage /
www.lilloupdate.com
* Podcast /
http://www.lilloupdate.com/main/liveset/
* Facebook /
www.facebook.com/pages/LILLO-/237250363683
* RA profile url /
www.residentadvisor.net/profile/lillo.alex.cirillo

17.02.015
KODE_1 Live Balcony Music Session
powered by REDBULL
JOLLY MARE
CAPIBARA
SGAMO WTFU
warm up Æmris + Rais
Videomapping BASENEUTRA

Martedì Grasso. Non uno dei tanti.
Grazie a tanti sacrifici e voglia di credere, con REDBULL si avvererà un sogno che non capita tutti i giorni.
Non è un party qualunque.
Non è una festa di Kode_1.
E’ una festa unica per l’intero territorio

#KODE_1 WE MAKE NOISE

///////////////////////////////////////////////
Se sabato scorso abbiamo sorpreso, questa volta faremo storia. Qui si parla di evento unico davvero.
Martedi KODE_1 proporrà un evento unico per il nostro intero territorio con la collaborazione di REDBULL.
L’intera piazza centrale difronte al club verrà immersa di bassi e beat italo disco anni ’80 in chiave dance da JOLLY MARE che incanterà con la sua performance live dall’antico balcone sopra l’entrata del club che sovrasta la piazza, dopo gli eclettici warm uo di Æmris e Rais.
Il tutto confezionato in un affascinante videomapping a cura di BASENEUTRA che creerà un’atmosfera magica e unica al centro del nostro paese.
A seguire il nostro beniamino CAPIBARA in un dj set che ci accompagnerà all’interno del locale fino all’alba affiancato dal nostro SGAMO WTFU.

///////////////////////////////////////////////

JOLLY MARE (Slow Motion/RedBullMusicAcademy)

“New face of Italian Disco”: all’estero gira già da un po’ di tempo questa definizione attorno a Jolly Mare. Considerando la ricchezza del patrimonio Italo Disco e del credito da culto assoluto che gode fuori dai confini italiani, è di sicuro una definizione lusinghiera. Al tempo stesso, è però riduttiva ed imprecisa: perché se è vero che nella sua musica Jolly Mare incorpora vari elementi presi dagli anni ’80 in chiave dance (electro e dintorni, in primis), è altrettanto vero che riesce a cavalcare in maniera personalissima territori musicali molto più vasti, trovando sempre un equilibrio che a parole è inspiegabile mentre nei fatti (e nei dancefloor) risulta assolutamente perfetto e centrato.Merito della sua capacità tecnica (un passato da turntablist di alto livello, con tanto di titolo IDA – International Dj Association – nel 2010); ma merito anche e soprattutto della sua sfaccettata sensibilità musicale: una profonda conoscenza di tutti gli alfabeti del funk, una sensibilità “cosmica” che gli permette immaginifici re-edit (anche a sorpresa, come quelli su Pino Daniele e Vasco Rossi), una inappuntabile padronanza anche delle architetture a cassa dritta (house, o pure certe suggestioni detroitiane): il tutto fuso in una veste sonora che riesce ad essere magicamente senza tempo, piena di omaggi e riferimenti al passato ma con la capacità di suonare in modo del tutto contemporaneo, anzi, spesso ancora direttamente ultra-futuristico.Un talento cristallino. A certificarlo, le esibizioni in festival come il Sonar (il suo set è stata una delle grandi sorprese dell’edizione 2014) o gli inglesi Parklife, Bestival, Tramilines. Così come significativa è stata la chiamata della Red Bull Music Academy 2013, a New York, dove Fabrizio Martina (questo il suo nome all’anagrafe) ha aperto a mostri sacri come i Masters At Work o creato musica assieme a geni come Thundercat (il bassista di fiducia di Flying Lotus). Si muove già su traiettorie internazionali, Jolly Mare, come non sempre accade ai dj e producer italiani. Ma questo non inficia assolutamente il suo rapporto con la scena di casa nostra: tra slot come guest di punta a vari festival (Streamfest, Jazz:Re:Found) e serate di alto livello (la condivisione di consolle con Theo Parrish al Magga, alla serata Harmonized, o le ospitate speciali per Le Cannibale a Milano), quello che si ha davanti è di sicuro uno dei nomi su cui scommettere di più per il futuro. E, in realtà, anche per il presente.

///////////////////////////////////////////////

CAPIBARA

«IO, DANCE MA MALINCONICO, AL LAVORO SUI CONTRASTI»

“un disco italiano che suona (felicemente) europeo”
XL

“sembra quasi di stare in zona Portishead con quei fruscii ovattati in stile Burial
DISCO DEL GIORNO”
Rockit

“disco clamoroso, te ne accorgi già alla prima traccia”
rocklab

“la grande conferma del suo enorme talento.”
dlso

“jungle beats e sampling vocale che aprono scenari musicalmente frenetici”
tsinoshibar

Sfumature Hip-hop riportate a livello elettronico macchiate di Afro-beat. Suoni che viaggiano lastricando strade post-witch e ambient-dub. Ballabile, ultra dance-floor, ma con dei tappeti malinconici. Perfetto.Il suo album di debutto Jordan, da poco pubblicato su White Forest Records, è un concentrato di ritmo e suggestioni capace di incrociare il downtempo anni 90 e il dubstep dei nostri giorni, passando per ritmi Afro, voci melliflue e campionamenti digitali. Ma innanzi tutto, Jordan sembra miscelare i mondi dell’hip hop e della dancefloor, per un modello sonoro subito pronto a confrontarsi con il mercato europeo. Dall’intreccio di loop al veloce fluire di rime in controtempo, questo primo disco mostra una naturale predisposizione alla melodia così come all’entropia, alternando momenti felicemente sognanti a sollecitazioni rap ben più acide ed epilettiche.

///////////////////////////////////////////////

SGAMO WTFU

Nato musicalmente alla fine delle scuole medie, si innamora dell’hip hop e non lo lascia più. Prima di scoprire Ableton, passa 10 anni della sua vita a rappare in italiano rendendolo protagonista di live e sfide di freestyle in giro per l’italia. WTFU! è l’emisfero chiassoso che lo ha portato a suonare nei migliori club della Puglia, ma anche a Roma, Milano, Londra affiancando personalità musicali molto varie tra loro come kode9 e shigeto, Subsonica, Dr. Lektroluv, Aphrodite, Digi, David Rodigan, Maztek, Far Too Loud, Linea 77, Dargen D’Amico. Bpm sempre variabile, hi-hats in 64esimi, e sub-bass sono gli ingredienti del suo set che alterna classici della dancefloor a sue tracce ancora inedite.

///////////////////////////////////////////////

WARM UP

Æmris

Annata 1996, comincia in giovane età l’approccio verso la musica, muovendosi abilmente nell’uso di vari strumenti musicali. Con il passare del tempo, acquista la sua prima consolle iniziando a conoscere il mondo della musica Elettronica e successivamente sposta i propri interessi musicali su qualcosa di più forte ed elegante, la Ambient minimal-Techno.

RAIS

Classe 1987, inizia a giovanissimo ad appassionarsi al mondo del djing, infatti all’età di 14 anni acquista il suo primo giradischi con cui inizia a sperimentare i primi scratch, affascinato dal mondo dell’hip hop. Dopo alcune serate nei club della provincia dove la techno-minimal in quegl’anni la fa da padrona, l’esperienza nei party privati e illegali, lo portano ad innamorarsi di suoni acidi e duri, svariando nei suoi set tra l’immortale dubstep, ricercata techno e pura jungle.

///////////////////////////////////////////////

Baseneutra VJ set

Al secolo Vincenzo Recchia, baseneutra insegna progettazione multimediale presso l’Istituto Superiore di Design di Napoli, dal 2008 è Creative Director dell’agenzia Imood e della rivista Pool Magazine. All’attivo ha collaborazioni video in contesti live con XXXY, Roni Size, dj Patife, Liars, Matmos, Throwing Snow, Need new body, Carl Craig, Stunner International, The Lovely Jonjo, Konkiduet, Rechenzentrum, Ellen Allien, Mathew Jonson, X-PRESS 2, Kruder & Dorfmeister, Mc Navigator, Motel Connection, kill the vultures, Scarlette Etienne, Thomas Brinkman, Nicola Conte e tanti altri artisti.

///////////////////////////////////////////////

#KODE_1 WE MAKE NOISE

14.02.015
PIGRO ON SOFA Dj set
+ Rais Dj set

Torna la collaborazione con il prestigioso progetto MIXOLOGY di Andrea Mi.
Piattaforma di caratura mondiale, ambita e apprezzata da ogni artista nazionale e internazionale, in cui ogni producer, musicista e dj rilascia mixtape registrati apposta per il progetto.

Impossibile elencare tutti i musicisti che ne han preso parte, ma ne citiamo alcuni: Modeselektor, Tricky, KODE9, Jimmy Edgar, Mala, Soosh, Mount Kimbie, Shigeto, Moirè, Afrika bambata, Phon.O, The Bug, Ghostpoet, Adrian Sherwood, Om Unit, Pinch, Jah Shaka, Onetrix Point Never, Capibara, LIES, Solar Bears, Dj Vadim, Lamb, Kidkanevil, Darius, Dj Khalab, Asusu, Sonambient e potremmo continuare all’infinito.

////////////////////////////////////////////////////
PIGRO ON SOFA

Di Lui Machinedrum dice “One of the best motherfuckin dj that I’ve ever seen”. Non c’è da stupirsi, perché il bergamasco Pigro On Sofa (all’anagrafe Alberto Guerrini) ha tutte le carte in regola per dimostrarsi uno dei migliori set italiani in fatto di dancefloor evoluto, dato che un mix di beat contemporanei, fenomeni suburbani e nostalgia rendono le sue selezioni/esibizioni imprevedibili e originali. Collaboratore del programma “Babylon” condotto da Carlo Pastore, con la rubrica “Gabber Eleganza” e un blog di estetica contemporanea e musica dallo stesso nome, supportato dai più attenti influencers internazionali come VICE, Ninja Tune, Simon Reynolds (il più importante critico musicale vivente) e Beatport. Negli ultimi anni ha suonato e aperto con alcuni tra i nomi più importanti della musica elettronica internazionale all’interno di clubs, gallerie d’arte, festival italiani ed europei.

https://soundcloud.com/pigro-on-sofa

////////////////////////////////////////////////////

RAIS Dj set

Classe 1987, inizia a giovanissimo ad appassionarsi al mondo del djing, infatti all’età di 14 anni acquista il suo primo giradischi con cui inizia a sperimentare i primi scratch, affascinato dal mondo dell’hip hop. Dopo alcune serate nei club della provincia dove la techno-minimal in quegl’anni la fa da padrona, l’esperienza nei party privati e illegali, lo portano ad innamorarsi di suoni acidi e duri, svariando nei suoi set tra l’immortale dubstep, ricercata techno e pura
jungle.
////////////////////////////////////////////////////

MIXOLOGY

Since 2003, MIXOLOGY is a weekly radio show hosted by Andrea Mi and FM broadcasted all over Italy via Popolare Network. It is focused on the international electronic scene and DJ Culture.

Featuring exclusive mixes and interviews with the most relevant and cutting edge international artists, Mixology takes musical snapshots of music that is moving forward.

The inspiration for the sound starts from dub and hip hop and moves to jazz, dubstep, wonky, ghetto tech, uk funky, beats… and any bass music with a soul. We call it: “from dub to club”. We are still searching for the perfect beat.

www.mixcloud.com/andrea_mi/
www.andreami.com/

////////////////////////////////////////////////////

Kode_1 WE MAKE NOISE

“Vogliamo proporre controcultura rivoluzionando gli stili di vita individuali, musicali e creando nuovi comportamenti sociali.”
Kode_1 è un incubatore artistico dove convivono musica, installazioni, mostre, e cultura. E’ un club che porta in Italia il vero concept dei club inglesi o berlinesi: musica sperimentale ed elettronica pura di assoluta qualità proposta da importanti nomi del djing nazionale e internazionale, il tutto affiancato ad un locale dalle piccole dimensioni, dove il dj suona a due passi dal suo pubblico godendo di tutta l’energia che sa trasmettergli.

SUPPORT MUSIC
SUPPORT THE UNDERGROUND MUSIC SCENE
SUPPORT KODE_1

KODE_1 the Club
Music and Arts Space
>> P.zza XX Settembre 10, Putignano (BA)

07.02.015
BENEATH 3 hours Dj set
+ SONAMBIENT live Balcony Music Session

 

Se si parla di evento unico, questo lo è davvero.

Sabato 7 Febbraio KODE_1 proporrà un evento inusuale per il nostro intero territorio.
L’intera piazza centrale difronte al club verrà immersa di bassi e beat dal live di SONAMBIENT che incanterà con la sua performance live dall’antico balcone sopra l’entrata del club che sovrasta la piazza.
Il tutto confezionato in un gioco di luci che creerà un’atmosfera magica e unica al centro del nostro paese.
A seguire il dj set dell’artista più hype della scena techno inglese, BENEATH fresco fresco delle sue performance al mitico BERGHAIN di Berlino e FABRIC londra e le varie serate con BEN UFO.

////////////////////////////////////////////////////
“Beneath, the hardest-hitting newcomer in the UK underground” – FACTMAG

Whether it’s a reaction to things becoming a little too soft in the last eighteen months is another debate for another day, but there’s a refreshing ruggedness to the UK’s dancefloors right now. It’s found in LHF’s towerblock mysticism, the swaggering grime of Slackk, the bombscare house of Champion, Jook 10 and Eastwood and the “fuck everything, let’s dance” agenda of Mistamen and Swing Ting.Perhaps more than anybody though, this shift seems to have been encapsulated by the success of Beneath. Raised in Stoke, but now based in Sheffield, Ben Walker makes razor-sharp, brittle club music that feeds off a desire to “make something [that you'd] immediately know was from the UK”, with UK Funky and dubsteppers / former dubsteppers Digital Myztikz, Kode9 and D1 as immediate reference points. Beneath’s music might be house tempo, but more than anything it reminds us of the ruthless minimalism of early grime and dubstep: it’s lean, stripped-back music made for ciphers and the dancefloor, and there’s simply nothing harder out there right now. His addition to our mix series is Beneath through and through: all vinyl and dubplates, it’s floor-focused music for the darkest corners of the club. Most of the material is his own, but there’s room made for newcomers Batu and Hagan, UK house mainstays Grevious Angel and Smoove Kriminal, and more.

LINKS
http://www.factmag.com/tag/beneath/
http://www.mixcloud.com/ElectronicBunker/ra407-beneath/
http://www.residentadvisor.net/podcast-episode.aspx?id=407
http://www.factmag.com/2012/05/07/fact-mix-328-beneath/
////////////////////////////////////////////////////
SONAMBIENT

“Una visione musicale che attinge a UK bass, techno e house attraverso tracceche ne evidenziano l’originalità e il respiro internazionale”
(Rumore)

“Un calderone in cui nuotano footwork, house, techno e downtempo e in cui l’ascoltatore galleggia tra il salotto e la pista da ballo”
(party-addict.com)

“Sonambient riesce a trasportare l’ascoltatore in universi fatti di atmosfere profonde, spaziali a tratti, in cui bassi vibranti e synth estatici si fondono e creano dei mondi assolutamente unici”
(Dance Like Shaquille O’Neal)

“Un viaggio emozionale lungo brani che sembrano la colonna sonora del tuo organismo”
(hmcf.me)

Sonambient è l’alias del produttore friulano, ma di adozione torinese, Andrea Buzzi.Andrea porta avanti un sound ibrido fatto di UK Bass, techno e beat storti, con tracce caratterizzate da echi lontani, delay, suoni ambientali e voci tagliate e processate.Il progetto vede la luce nel 2012, anno in cui, grazie ad alcuni remix e soprattutto all’EP di esordio “Daily Karma” (Nodeski Records), entra a far parte della community Piemontegroove Young Talents, esperienza che lo porta ad esibirsi per due volte al prestigioso festival Club2Club, e a remixare un brano per Martyn.Nel 2013 pubblica il suo primo album, “Remnant”, sull’italiana Megaphone Music, etichetta e collettivo di artisti del quale è membro stabile.Il 2014 lo vede partecipare all’acclamata compilation “In Hoc Signo Vinces” (White Forest Records), e nell’aprile dello stesso anno esce “Fragments” (Megaphone Music), remix EP impreziosito dalle produzioni di alcuni nomi di spicco della scena elettronica italiana.Quest anno sarà il turno di “Yonder”, il secondo long play del producer friulano. Release marchiata White Forest Records e Megaphone Music, che uscirà in digitale e limited edition in musicassetta.

LINKS
https://www.facebook.com/sonambientmusic
http://soundcloud.com/sonambient
www.megaphone.it/sonambient.html

05.02.015
THIS IS CLUBBING – Rais Dj set

Iniziano i Giovedì di Carnevale al KODE_1

THIS IS CLUBBING, la serate KODE_1 ispirata alla vera scena UNDERGROUND INGLESE.
Il Clubbing (anche conosciuta come club culture) è la pura essenza underground d’oltre manica, dove la BASS MUSIC, mai cristallizzata in un solo genere, oscilla fra la Uk Garage più profonda, la ritmica spezzata della dubstep, l’iperattività della Jungle e della drum and bass, mantenendo sempre inalterati le radici profonde della bassline dove il BEAT ne fa da padrone.
Dietro i piatti, RAIS, ci accompagnerà in questo viaggio suburbano fatto di suoni e percezioni che riecheggiano gli ambienti fumosi Londinesi, dove le percezioni si fan quasi industriali, avvolte in un groviglio di beat e bassi che creano quel famoso ‘“hardcore continuum”, bandiera del clubbing UK.

////////////////////////////////////////////////////

RAIS Dj set

Classe 1987, inizia a giovanissimo ad appassionarsi al mondo del djing, infatti all’età di 14 anni acquista il suo primo giradischi con cui inizia a sperimentare i primi scratch, affascinato dal mondo dell’hip hop. Dopo alcune serate nei club della provincia dove la techno-minimal in quegl’anni la fa da padrona, l’esperienza nei party privati e illegali, lo portano ad innamorarsi di suoni acidi e duri, svariando nei suoi set tra l’immortale dubstep, ricercata techno e pura jungle.

31.01.015
MEMOTONE live
+ LILLO Dj Set

In concomitanza con la prima sfilata di Carnevale, KODE_1 in collaborazione con White Noise Generator, han voluto proporre uno dei produttori più talentuosi della sempre fervida scena inglese e dell’etichetta più cool che ci sia, quella BLACK ACRE di artisti come ROMARE, CLAP CLAP, DARK SKY, SNOW GHOST, DJ KHALAB, FANTASTIC MR. FOX, solo per citarne alcuni
Osannato dalla stampa (FACTMAGAZINE; ID MAGAZINE…) e da musicisti del calibro di Throwing Snow e SOOSH: MEMOTONE, in un live mozzafiato che sta incantanti addetti e appassionati in tutto il mondo.

////////////////////////////////////////////////////

MEMOTONE
Memotone is a multi-instrumentalist and producer specialising in minimal, ambient and modern classical music. Drawing inspiration from a wide range of sources, his sound is made up of layered instrumentation over the top of field recordings, distant conversation, atmospheres and effects. Also showing a keen interest in sound-scape and textural experimentation.

Memotone mainly works in his home studio in Bristol, but also has a live performance to offer. His show is a captivating blend of live instrumentation including piano, keyboard, clarinet, trumpet, zither, guitar, bass, drums, glockenspiel, organ, melodica and toy instruments looped on a Boss RC-50 loop pedal with live audio effected from a Kaoss Pad 3 and samples triggered from an MPC 1000. When playing, William Yates is switching from instrument to instrument, from pads to keys and from pedal to pedal and sometimes all together. “There are many more restrictions in live music, especially when performing on your own but it does bring something different to the music altogether that may be lost in a studio environment. When I play live I try and make it so every sound you hear you can see me create or trigger (when samples are involved.) I never use a laptop on stage and want to keep it that way. I think it’s much more interesting for the crowd and as a performer.”

////////////////////////////////////////////////////

LILLO ha iniziato a selezionare musica da proporre come dj nei primi anni ’90 iniziando ben presto ad essere apprezzato in vari clubs italiani ed esteri (Cellar club, Snoopy, D.N.A., Blob, TheFlame, Divinae Follie, Silver System, Jubilee, ZenZero, Mavu’, Wasabi, Alter Ego (Verona), Prince (Riccione), Echoes (Misano Adriatico), Cassero (Bologna), Tunnel, Plastic (Milano), TheCross (London), Mikz (Berlin) etc..), gradendo anche brevi incursioni nel mondo della radio (Altraradio, Rete Selene, Radio Company). Ha condiviso la consolle con i piu’ grandi nomi del dj’ing mondiale: dai piu’ storici (Louie Vega, David Morales, Ralf, Flavio Vecchi, Ricky Montanari, Murk, Dimitri from Paris…) ai piu’ interessanti contemporanei (Derrick Carter, Thomas Brinkmann, A guy called Gerald, Omid 16b, Craig Richards, Blackstrobe & I.Smagghe, Troy Pierce, Onur Ozer, Kiki & Silversurfer, Ellen Allien, Whignomy Brothers, Guido Schneider, Alex Smoke, Cassy, Alessio Mereu, Italoboys, Ryan Crosson, Shaun Reeves, Seth Troxler, Marc Houle, Barem, Miss Jools, Frivolous, Hot chip, Dfa, Henrik Schwarz, Patrice Scott, Jus’ Ed, Matthew Jonson…).Ha collaborato inoltre alla realizzazione di eventi musicali come concerti e dj sets (Elettrowave – Elita), ha recensito musica su diverse testate specializzate e attualmente è molto interessato dall’aspetto della produzione musicale che ha già all’attivo un vinile per l’italiana LEVEL ONE (Kali feat Maavir – Arati – Re-vox records). E’ cellula generante con i dj-producers Distant Memories, Arpino e Andrea Fiorito del progetto-collettivo audio-video “4Dialogue (www.myspace.com/4dialogue) ed è con Dino Lupelli e dj Tuppi B. nell’ ensamble U.D.O. / Unidentified Dj Orchestra (www.myspace.com/unidentifieddjorchestra). Il genere musicale che attualmente propone spazia, a seconda delle esigenze: house, old school, deep, electro, techno, minimale, toccando sonorita’ deep e influenze di ogni genere: rock, jazz, funk, reggae, soul… sempre pero’ con un unico comune denominatore ovvero la ricerca e la proposta di musica di qualita’…

* Homepage /
www.lilloupdate.com
* Myspace /
www.myspace.com/djlillo
* RA profile url /
www.residentadvisor.net/profile/lillo.alex.cirillo

30.01.015
Unctrl Alt Canc / Carlo Malito / M.O.A.N. B2B

Torna l’appuntamento THIS IS CLUBBING, la serata KODE_1 ispirata alla vera scena Clubbing Inglese.
Il Clubbing (anche conosciuta come club culture) è la pura essenza underground d’oltre manica,
dove la BASS MUSIC, mai cristallizzata in un solo genere, oscilla fra la Uk Garage più profonda, la ritmica spezzata della dubstep, l’iperattività della Jungle e della drum and bass, mantenendo sempre inalterati le radici profonde della bassline dove il BEAT ne fa da padrone.
Questa volta, ai piatti della nostra console, Unctrl Alt Canc, Carlo Malito e M.O.A.M in un esclusivo B2B che ci accompagnerà in un viaggio tra la pura BASS MUSIC, dubstep, la deep, la UK garage, UK funky e la footwork di Chicago.
Un viaggio suburbano fatto di suoni e percezioni che riecheggiano gli ambienti fumosi Londinesi, dove le percezioni si fan quasi industriali, avvolte in un groviglio di beat e bassi che creano quel famoso ‘“hardcore continuum”, bandiera del clubbing UK.

////////////////////////////////////////////////////

Unctrl Alt Canc, since 2010, is an italian project based on dj set, focusing mainly on bass music. It’s composed of Nuncha and Delirium in Apple. Played alongside Caparezza, David Rodigan, Serial Killaz, NUMA Crew, Digi G’Alessio, Uochi Toki, DJ Gruff, Bonnot, Kaos + DJ Craim, DJ Argento, Kento, Zona MC + Burla2222, etc.

https://soundcloud.com/unctrl-alt-canc
www.mixcloud.com/UnctrlAltCanc2010/
www.facebook.com/UnctrlAltCanc
////////////////////////////////////////////////////

Carlo Malito, classe 1991, nasce come Mc nel 2005 con il nome di Trash.
I primi anni della sua adolescenza sono stati profondamente segnati dalla cultura Hip Hop.
Amante della musica a 360 gradi, inizia il suo approccio con la musica elettronica nel 2009. Bassline,diventa la parola chiave della sua ricerca musicale.
Nel 2010 compra il suo primo giradischi ed inizia a comprare e collezionare vinili.
Resta affascinato dai suoni più classici del dubstep,del dub/reggae,della jungle e della drum n’bass.
Nel 2011 inizia il suo percorso musicale come Dj che lo hanno portato a condivedere la consolle con artisti come Subsonica, Dr.Lektroluv, Dargen D’Amico e altri artisti locali.
I viaggi in Inghilterra sono stati fondamentali per toccare con mano quella cultura, per conoscerne ogni sottogenere e lasciarsi perdere tra i suoni del Garage,del 2Step/Uk Funky e del Grime.Nei suoi set è Bass music a tutti gli effettì.

https://soundcloud.com/carlo-malito
////////////////////////////////////////////////////

M.O.A.N., è uno giovane fuori e vecchio dentro. Laureatosi in ingegneria del suono presso il SAE Institute di Milano, predilige sonorità da una parte malinconiche e lente e dall’altra violente e veloci. Fonico residente presso lo Studio76 di Marco Montefusco, a Salerno, nel quale svolge anche il ruolo di docente per i corsi di tecnico del suono, si occupa molto spesso anche di post produzione audio per film e composizione di musiche per corti. Per diletto, ama esprimersi miscelando brani che vanno dalla Drum’n'Bass alla Dubstep, all’elettronica-soul di James Blake e alla techno di Untold e derivati, senza dimenticare Renato Zero: ha suonato per l’Arena di Mendrisio, in Svizzera, per il Leoncavallo di Milano, per le Macerie di Molfetta e nel cesso di un noto locale salernitano, il Sea Garden, con estenuanti performance della durata di 6 ore, circondato da persone che proprio non dovrebbero esistere.

https://soundcloud.com/m-o-a-n
http://www.mixcloud.com/moanismify/
studio76production.com

23.01.015
CLUB (is) CULTURE
Valtorta (Repubblica XL) + Andrea Mì DJ-SET

CLUB (is) CULTURE è il nome dell’evento che venerdì 23 gennaio animerà gli spazi di KODE_1, il club di Putignano che concentra la sua programmazione su artisti e performer di caratura internazionale. A partire dalle 21,00 (con ingresso gratuito) Luca Valtorta – direttore de La Repubblica XL e collaboratore de La Domenica di Repubblica – racconterà la commistione fra musica, club e mondo della cultura mettendo in relazione il suono italiano con gli stilemi europei. In sua compagnia ci sarà Andrea Mì, (dj, docente IED di Firenze), che partirà dalla sua esperienza artistica e ci guiderà attraverso le linee direttrici dell’elettronica contemporanea. A moderare l’incontro ci sarà Michele Casella (Pool Magazine, La Repubblica XL), mentre seguirà un dj-set realizzato dallo stesso Andrea Mì.

La cultura DEI club, quella della musica contemporanea, dei movimenti artistici e sociali che stanno rivoluzionando l’Europa dei nostri giorni.
La cultura NEI club, dove lo stile sonoro si intreccia al mondo del design, del cinema, della ricercatezza culinaria e dell’intrattenimento intelligente.

Un viaggio nei suoni, nelle immagini e nelle interazioni socio-culturali che stanno rinnovando il concetto di club, non più un luogo semplicemente dove ballare ma uno spazio di confronto e crescita, intrattenimento e approfondimento, pensato per stimolare tutti i sensi. Naturalmente, a ritmo di musica.

E proprio la musica sarà protagonista della seconda parte della serata, con un dj-set in cui beat e ricercatezza saranno al centro della selezione di Andrea Mì.

////////////////////////////////////////////////////

LUCA VALTORTA

Luca Valtorta è un giornalista italiano.
Ha studiato Lingue e Letterature Orientali all’Università Ca’ Foscari di Venezia. La passione per la cultura contemporanea giapponese lo porta, qualche anno più avanti, a scrivere, con Alessandro Gomarasca, il libro Sol mutante. Mode, giovani e umori nel Giappone contemporaneo, sulle nuove generazioni del Giappone.
A metà degli anni 80 inizia la carriera giornalistica nel modo più classico, come correttore di bozze per un service editoriale legato a Arnoldo Mondadori Editore. In quello stesso periodo partecipa alla stesura della versione italiana del volume Industrial Culture Handbook della rivista americana Re/Search, la più importante a occuparsi delle avanguardie artistiche e della scena undergound musicale.
Collabora con varie testate scrivendo di musica e tecnologia in primis, ma anche di cinema e arte. Tra le tante, firma la copertina del secondo numero di Focus con un servizio sui robot e si occupa delle nuove tecnologie per Sette del Corriere della Sera diretto da Carlo Verdelli.
A metà degli anni 90 viene assunto a Tutto Musica dove percorre le tappe interne fino al ruolo di caporedattore. Per il mensile di Arnoldo Mondadori Editore cura, tra l’altro, lo spin off tecnologico Interactive.
All’inizio del 2004 gli arrivano, quasi contemporaneamente, tre telefonate: la prima gli propone la condirezione di Rolling Stone, la seconda il ruolo di direttore sviluppo delle iniziative editoriali della Disney, la terza è di Laura Gnocchi, direttore de Il Venerdì de La Repubblica e del settimanale Musica!.
A giugno accetta l’offerta del Gruppo Editoriale L’Espresso che gli mette in mano il progetto di xL, testata che un anno dopo prenderà l’eredità di Musica! e della quale oggi è direttore.
Per xL organizza una serie di eventi e workshop in media partnership con i principali festival italiani e internazionali come l’iTunes Music Festival e l’Eastpak Antidote Tour a Londra, l’Heineken Jammin’ Festival, Italia Wave Love Festival, Medimex, Lucca Comics & Games, Napoli Comicon, Neapolis Festival, Romics, Mantova Comics e, presso il MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti, il convegno Il Paese è reale. Che la festa cominci con lo scrittore Niccolò Ammaniti, il direttore di Current TV Paolo Lorenzoni, il musicista Manuel Agnelli degli Afterhours e gli attori della compagnia teatrale Santasangre sullo stato della cultura in Italia e le prospettive di lavoro in campo artistico per le nuove generazioni.
Negli scorsi anni è stato invitato al prestigioso Festival internazionale del giornalismo di Perugia dove ha organizzato degli incontri-intervista con artisti come Carmen Consoli, Vasco Brondi, in arte Le Luci della Centrale Elettrica, Ligabue, Pierpaolo Capovilla e Caparezza.
A Venezia, invitato dall’Università di Lingue e Letterature Orientali Ca’ Foscari, ha tenuto la conferenza I Love Death. Desire and Agony in Contemporary Music and Video, presentato in occasione dell’incontro internazionale Death and Desire in Modern and Contemporary Japan.

////////////////////////////////////////////////////

ANDREA MI

Nasce come dj radiofonico curando, dal 1993, trasmissioni e dj-set sull’emittente toscana Controradio e sulle frequenze nazionali di Popolare Network, nelle quali si dedica principalmente ai nuovi suoni della scena elettronica internazionale. ‘Mixology’ è la sua trasmissione radio settimanale e l’omonimo podcast evolutosi poi in piattaforma di scouting, net label e agenzia di promozione. Scrive per Soundwall, Mucchio Selvaggio e RBMA. L’ispirazione per il suo suono muove dal dub e dai beat e si sposta verso nuove le contaminazioni elettroniche all’insegna dell’eclettismo: bass music e progressioni ritmiche di varia natura. Negli anni ha girato i dischi in molti club italiani e in altrettanti internazionali tra Spagna, Grecia, Albania, Kosovo, Inghilterra e Francia. Assieme a Numa Crew, Zion Train e Bangalore è nella scuderia Elastica Records. Con Backwords ha fondato la nuova label OOH SOunds. È resident dj del Kode1 di Bari e della nuova one night _Underpop al Tenax di Firenze oltre che delle storiche Vibranite all’Auditorio Flog. Ha girato i dischi con artisti come Coldcut, Kode9, Daddy G, Tricky, Jazzanova, Soul Jazz Sound System, ?uestlove, Cooly G, Mala, DaM-Funk e molti altri… Ama definire il suo suono “from dub to club”.

10.01.015
MOIRÉ
+ Lock Eyes

Prendi un club come KODE_1, mettici uno dei producer piu hype del momento come MOIRE’, già annunciato uno dei dischi dell’anno con una co-produzione Werkdiscs (etichetta di Actress) e Ninja Tune, etichetta tra l altro di artisti del calibro di Bonobo Machinedrum, Amon Tobin, Floating Points e Faltydl.
Aggiungici il dj set di Lock Eyes da Londra.
Frulla il tutto e ne esce il party di inizio anno per eccellenza.

Sabato ospiteremo l’artista più importante che il nostro paese abbia mai ospitato.
Uno egli album più belli dell’anno, in una classifica che vede mostri sacri come Aphex Twin, Caribou, Theo Parrish…
Sabato 10 Gennaio Moiré diffonderà tra le pareti del KODE_1 suoni e immagini come poesia, in un live set video/audio come pochi al mondo.

Quando la Techno diventa poesia.

////////////////////////////////////////////////////

MOIRÉ

Moirè, pupillo di Actress, è uno dei new talent più gettonati dell’anno.
Esce per NINJA TUNE e Werkdiscs.
Con un solido background in architettura e design, Moiré è una delle migliori sorprese emerse negli ultimi tempi dalla sempre fervida scena inglese. Il suo album di esordio ‘Shelter’, una co-produzione Werkdiscs e Ninja Tune Official, è già annunciato come uno dei dischi dell’anno, per la sapiente miscela di old school techno, convinta attitudine sperimentale e futuribili declinazioni soul. L’enigmatico producer britannico aveva esordito con l’eclettico ‘Never Sleep EP’ proprio sull’etichetta del caleidoscopico Actress per poi replicare gli unanimi consensi con ‘Rolx’, sull’olandese Rush Hour. Con questo nuovo lavoro scopre tutte le carte del suo talento, esibendo un suono maturo e sensuale, effettivo sulle casse in 4/4 quanto morbido nei trattamenti vocali, ombroso e sporco per risultare profondamente suggestivo.Un nuovo live audio/video capace di immergerci in uno spazio multi-sensoriale avvolgente e irresistibile, pulsante di groove e astratte geometrie.

www.facebook.com/MoireMusic?fref=ts

http://ninjatune.net/artist/moire

http://pitchfork.com/reviews/albums/19597-moire-shelter/

www.factmag.com/2014/08/13/moire-shelter/

www.allmusic.com/album/shelter-mw0002687647

www.residentadvisor.net/review-view.aspx?id=15476

www.clashmusic.com/reviews/moire-shelter

////////////////////////////////////////////////////

Lock Eyes

Nato a Martina Franca (TA) Pierfranco Demita, si trasferisce a Londra nel 2011 dando vita al progetto Lock Eyes. I suoi eclettici set, decisi e sognanti con influenze raw house, acid e dub techno e le sue produzioni realizzate su Blind Jack’s Journey (etichetta discografica di Manchester) attirano l’attenzione di artisti internazionali del calibro di Ben Sims, Tini e Luv Jam per nominarnane alcuni.
Lock Eyes è oggi resident del Whte Jail di Londra, regular guest al Find Mind Me In The Dark, Corsica Studios e parte attiva nella direzione artistica e organizzativa dell’Offshoot Weekender, un festival ideato da Corsica Studios e Transition Lab recordings avente luogo in Puglia ormai in rotta verso la seconda edizione.

05.01.015
LILLO Dj set

LILLO Dj set

////////////////////////////////////////////////////

LILLO ha iniziato a selezionare musica da proporre come dj nei primi anni ’90 iniziando ben presto ad essere apprezzato in vari clubs italiani ed esteri (Cellar club, Snoopy, D.N.A., Blob, TheFlame, Divinae Follie, Silver System, Jubilee, ZenZero, Mavu’, Wasabi, Alter Ego (Verona), Prince (Riccione), Echoes (Misano Adriatico), Cassero (Bologna), Tunnel, Plastic (Milano), TheCross (London), Mikz (Berlin) etc..), gradendo anche brevi incursioni nel mondo della radio (Altraradio, Rete Selene, Radio Company). Ha condiviso la consolle con i piu’ grandi nomi del dj’ing mondiale: dai piu’ storici (Louie Vega, David Morales, Ralf, Flavio Vecchi, Ricky Montanari, Murk, Dimitri from Paris…) ai piu’ interessanti contemporanei (Derrick Carter, Thomas Brinkmann, A guy called Gerald, Omid 16b, Craig Richards, Blackstrobe & I.Smagghe, Troy Pierce, Onur Ozer, Kiki & Silversurfer, Ellen Allien, Whignomy Brothers, Guido Schneider, Alex Smoke, Cassy, Alessio Mereu, Italoboys, Ryan Crosson, Shaun Reeves, Seth Troxler, Marc Houle, Barem, Miss Jools, Frivolous, Hot chip, Dfa, Henrik Schwarz, Patrice Scott, Jus’ Ed, Matthew Jonson…).Ha collaborato inoltre alla realizzazione di eventi musicali come concerti e dj sets (Elettrowave – Elita), ha recensito musica su diverse testate specializzate e attualmente è molto interessato dall’aspetto della produzione musicale che ha già all’attivo un vinile per l’italiana LEVEL ONE (Kali feat Maavir – Arati – Re-vox records). E’ cellula generante con i dj-producers Distant Memories, Arpino e Andrea Fiorito del progetto-collettivo audio-video “4Dialogue (www.myspace.com/4dialogue) ed è con Dino Lupelli e dj Tuppi B. nell’ ensamble U.D.O. / Unidentified Dj Orchestra (www.myspace.com/unidentifieddjorchestra). Il genere musicale che attualmente propone spazia, a seconda delle esigenze: house, old school, deep, electro, techno, minimale, toccando sonorita’ deep e influenze di ogni genere: rock, jazz, funk, reggae, soul… sempre pero’ con un unico comune denominatore ovvero la ricerca e la proposta di musica di qualita’…

////////////////////////////////////////////////////

* Homepage /
www.lilloupdate.com
* Myspace /
www.myspace.com/djlillo
* RA profile url /
www.residentadvisor.net/profile/lillo.alex.cirillo

NEXT EVENTS // DICEMBRE 2014

Martedì 23
A Copy for Collapse live + Bobby (COVO Club Bologna) Dj Set

Bobby è una delle colonne del Covo Club di Bologna.
Appassionato della scena musicale inglese fin da giovanissimo coltiva la sua passione musicale partecipando come esperto a trasmissioni radiofoniche e mostre d’arte dedicate alla musica d’oltremanica.
Dal 2010, con Francesco Gallea, fa partire il progetto musicale WFL facendo di Cool Britannia (questo il nome della loro serata), un appuntamento imperdibile con il sound made in UK.
Cura la serata CLUB COVO ogni venerdì sempre nel club di appartenenza proponendo un dj set indie/newwave/electro.
Parallelamente, per gli eventi “outdoor”, porta avanti il progetto Invisible City uno spazio nato con l’intenzione di trovare i continui punti di contatto tra la scena indie rock e la musica elettronica.

https://www.facebook.com/CoolBritanniaCovoClub

https://www.facebook.com/invisiblecityitaly

Ambient, chill-wave, dance e synth-pop: gli elementi che caratterizzano il timbro unico ed emozionante di A Copy For Collapse, duo composto da Daniele ed Aria.
Fortemente influenzato da artisti come Telefon Tel Aviv, Boards of Canada e Toro Y Moi, nell’estate 2012 compone i 9 brani che diventeranno materiale per “The last dreams on earth”, l’album di debutto uscito nella primavera 2013 per l’etichetta italiana Seahorse Rec. (distribuzione Audioglobe). Ha avuto l’onore di condividere i palchi più importanti in Italia (Circolo degli Artisti, Magnolia, Covo Club, Eremo Club, Demodè, Casetta Della Musica…) con artisti di fama internazionale come Slow Magic, Blackbird Blackbird, Etienne de Crecy, Darren Price (Underworld), The Heartbreaks, Jan e A Toys Orchestra.
Attualmente il duo è impegnato nella registrazione del secondo album “Waiting For” la cui uscita è prevista per la primavera 2015.

STREAMING:

http://www.rockit.it/acopyforcollapse/album/the-last-dreams-on-earth/22187

WHITE RAINBOW OFFICIAL VIDEO:

LUCID DREAM OFFICIAL VIDEO:

////////////////////////////////////////////////////

Mercoledi 24
Special XMAS EVE // RAIS dj set + KREES dj set + MICIO Vj set

////////////////////////////////////////////////////

Giovedì 25
Fabio Tosti Dj set

////////////////////////////////////////////////////

Venerdì 26
ANDREA MI Dj set (with MIXOLOGY)

////////////////////////////////////////////////////

Sabato 27
LIES (with MIXOLOGY) + TBA
////////////////////////////////////////////////////

Domenica 28
ALESSANDRO INTINI personale fotografica + VODKATHEDUCK Dj set
////////////////////////////////////////////////////

SUPPORT MUSIC
SUPPORT THE UNDERGROUND MUSIC SCENE
SUPPORT KODE_1

19.12.014
DONATO EPIRO live + PUNTURE D’INSETTO live

“La musica è un prodotto culturale e perciò oggettivamente una scelta, ricollegata alla cultura e creatrice di cultura…”

Torna la collaborazione tra KODE_1 e White Noise Generator.
Il progetto è una ricerca che propone la ‘sperimentazione’ come input per la creazione artistica contemporanea e per la ricerca di nuove metodologie, considerando il ‘risultato imprevedibile’ elemento fondamentale per l’esperienza creativa.
Attraverso l’ibridazione tra le prospettive si sviluppa un’entità innovatrice, per forma e per contenuto, che offre all’ascoltatore/osservatore la possibilità di andare oltre i convenzionali clichés di fruizione. L’obbiettivo del progetto è offrire un’esperienza sensoriale e percettiva in continuo divenire, nella quale si coniugano sonorità acustiche ed elettroniche (live electronics) e immagini evocative (generative visual art/illustrazioni collage/video documentari) che guidano l’ascoltatore attraverso strade inaudite.

////////////////////////////////////////////////////

DONATO EPIRO live
PUNTURE D’INSETTO live

“Fiume Nero è una delle cose più affascinanti ascoltate in questo 2014″
Rockit

“NUOVA PSICHEDELIA ITALIANA”
XL

“liturgia tropicale”
ONDAROCK

“Fiume Nero è un voodoo tribalismo compresso che sa di etnico e di sotterraneo. Selvaggio, inquietante nella sezione ritmica e nelle scansioni sincopate dei fiati”
DISTORSIONI

////////////////////////////////////////////////////

DONATO EPIRO

Se con il duo organo+percussioni “Cannibal Movie”, Donato Epiro lavora su un concetto di commistione tra musica “out” e immaginario italiano, nel suo lavoro in solo esplora questa intuizione con ancora più profondità creando una sorta di moderna library music, in cui la tradizione di compositori italiani come Alessandroni, Umiliani e il Morricone più sperimentale è fusa da un lato con la psichedelia e la sperimentazione dal sapore mediterraneo di Battiato, Aktuala, Lino Capra Vaccina e dall’altro con le esperienze più “weird” della musica sperimentale degli ultimi anni.
Mr Epiro suonerà dal vivo i brani del suo album “Fiume Nero” in uscita su Black Moss.

////////////////////////////////////////////////////

PUNTURE D’INSETTO

Il suono emozionale di una melodia interrotta da momenti di disturbo,noise e bassi profondi; il suono del club, in chiusura, congeda i suoi ultimi ospiti in un profondo, etereo e riverberato ricordo.
Ma anche il rumore, l’ipnotico battito di una cassa distorta accompagnata da lenti ritmi e suoni acidi.
Punture d’insetto è il progetto solista di Daniele Raguso, musicista pugliese che dopo varie esperienze musicali, nell’autunno del 2008 crea questa nuova creatura musicale, fatta di rumore, sogni ed emozione.
Immaginate le melodie dei Telefon tel Aviv o Boards of Canada che si mescolano con le oscure distorsioni di Scorn e Techno Animal.
Una serie di concerti in giro per l’Italia, tra i quali le esibizioni al Meitech di Faenza e Stakanovismo a Roma.Nel Novembre 2009 l’uscita del primo lavoro autoprodotto su vinile 12″

13.12.014
CAPIBARA live + SGAMO WTFU Dj set

CAPIBARA live
SGAMO WTFU Dj set

////////////////////////////////////////////////////

CAPIBARA: «IO, DANCE MA MALINCONICO, AL LAVORO SUI CONTRASTI»

Sfumature Hip-hop riportate a livello elettronico macchiate di Afro-beat
Suoni che viaggiano lastricando strade post-witch e ambient-dub.
Ballabile, ultra dance-floor, ma con dei tappeti malinconici.
Perfetto.
Il suo album di debutto Jordan, da poco pubblicato su White Forest Records, è un concentrato di ritmo e suggestioni capace di incrociare il downtempo anni 90 e il dubstep dei nostri giorni, passando per ritmi Afro, voci melliflue e campionamenti digitali. Ma innanzi tutto, Jordan sembra miscelare i mondi dell’hip hop e della dancefloor, per un modello sonoro subito pronto a confrontarsi con il mercato europeo. Dall’intreccio di loop al veloce fluire di rime in controtempo, questo primo disco mostra una naturale predisposizione alla melodia così come all’entropia, alternando momenti felicemente sognanti a sollecitazioni rap ben più acide ed epilettiche.

“un disco italiano che suona (felicemente) europeo”
XL

“sembra quasi di stare in zona Portishead con quei fruscii ovattati in stile Burial
DISCO DEL GIORNO”
Rockit

“disco clamoroso, te ne accorgi già alla prima traccia”
Rocklab

“la grande conferma del suo enorme talento.”
dlso

“jungle beats e sampling vocale che aprono scenari musicalmente frenetici”
tsinoshibar

////////////////////////////////////////////////////

SGAMO WTFU

Nato musicalmente alla fine delle scuole medie, si innamora dell’hip hop e non lo lascia più. Prima di scoprire Ableton, passa 10 anni della sua vita a rappare in italiano rendendolo protagonista di live e sfide di freestyle in giro per l’italia. WTFU! è l’emisfero chiassoso che lo ha portato a suonare nei migliori club della Puglia, ma anche a Roma, Milano, Londra affiancando personalità musicali molto varie tra loro come kode9 e shigeto, Subsonica, Dr. Lektroluv, Aphrodite, Digi, David Rodigan, Maztek, Far Too Loud, Linea 77, Dargen D’Amico.
Bpm sempre variabile, hi-hats in 64esimi, e sub-bass sono gli ingredienti del suo set che alterna classici della dancefloor a sue tracce ancora inedite.

07.12.014
JAY TOOLDj set + Elios Dj set

THIS WEEKEND at KODE_1 the Club
DAY by DAY

Un’altro lungo weekend KODE_1 all’insegna della grande musica con una marea di ospiti diversi nel genere ma con in comune una sola grande passione: la MUSICA.

////////////////////////////////////////////////////

JAY TOOL

Non credo abbia più bisogno di presentazioni, JAY TOOL, porta bandiera di quel suono tipico dei più rinomati dancefloor d’oltre manica, spazia dalla techno UK alla garage, passando per la pura jungle all’elettronica di stampo Bonobo/ Jamie XX con sfumature break.

////////////////////////////////////////////////////

Elios

Elios è un dj e produttore di musica elettronica sperimentale.
Nasce come dj affascinato sin da piccolo dalla alternative music, di cui sono suoi punti vitali artisti come: Massive Attack, Radiohead, Gorillaz e dai producer come Boys Noize e Deadmau5.
Nei suoi dj set lo contraddistingue l’alternanza tra sinfonie ambient e techno sperimentale
cercando di portare una storia in ogni performance.

28.11.014
KODE_1 & WHITE NOISE GENERATOR present
MARCELLO MAGLIOCCHI & MARCO MALASOMMA
VODKATHEDUCK_Dj set

MARCELLO MAGLIOCCHI_Drums & percussions
MARCO MALASOMMA_Real time processing
VODKATHEDUCK_Dj set

////////////////////////////////////////////////////

Torna la collaborazione tra KODE_1 e White Noise Generator.
Il progetto è una ricerca che propone la ‘sperimentazione’ come input per la creazione artistica contemporanea e per la ricerca di nuove metodologie, considerando il ‘risultato imprevedibile’ elemento fondamentale per l’esperienza creativa.
Attraverso l’ibridazione tra le prospettive sviluppano un’entità innovatrice, per forma e per contenuto, che offre all’ascoltatore/osservatore la possibilità di andare oltre i convenzionali clichés di fruizione. L’obbiettivo del progetto è offrire un’esperienza sensoriale e percettiva in continuo divenire, nella quale si coniugano sonorità acustiche ed elettroniche (live electronics) e immagini evocative (generative visual art/illustrazioni collage/video documentari) che guidano l’ascoltatore attraverso strade inaudite.

22.11.014
MICHELE MININNI

MICHELE MININNI

////////////////////////////////////////////////////

Michele Mininni pubblica Tupolev Love per la Optimo Music, label del leggendario duo di Glasgow, che ha lanciato fra i tanti gente come Factory Floor e Daniel Avery.
Il disco viene immediatamente inserito in numerose playlist internazionali: da RinseFM (Londra) a Beats In Space (New York).
I due brani sono un concentrato di riferimenti: kraut, country, kosmische musik, disco, trance vengono frullati con uno stile molto personale ed evocativo.
A Settembre è già tempo del secondo EP: Endless Ceremony. Pubblicato da Curle Recordings, label belga che annovera fra le sue uscite personaggi come Moved D, Efdemin, Donato Dozzy e Roman Flugel, il disco è un po’ diverso dal precedente, mostrando un lato più intimo e profondo.
Il remix sul lato B è opera dei Rocketnumbernine, duo di casa Smalltown Supersound e collaboratori fissi di Four Tet e Neneh Cherry.
L’accoglienza è ottima: l’EP infatti raccoglie ottimi di feedback da Ripperton, Gavin Russom, Ame, James Holden.
L’approccio di Michele Mininni come producer è lo stesso che esprime nei suoi dj set: un viaggio senza limitazioni che rende molto labile il confine fra i generi. Elettronica, psichedelia, house, disco, krautrock, si uniscono per dar vita ad uno stile indefinibile, la cui matrice inconfondibile è lo stato di trance e di elevazione.
Il suo è un gusto personalissimo e spiazzante, figlio di una concezione totale della musica.

21.11.014
THIS IS CLUBBING

Torna l’appuntamento THIS IS CLUBBING, la serata KODE_1 ispirata alla vera scena Clubbing Inglese.
Il Clubbing (anche conosciuta come club culture) è la pura essenza underground d’oltre manica,
dove la BASS MUSIC, mai cristallizzata in un solo genere, oscilla fra la Uk Garage più profonda, la ritmica spezzata della dubstep, l’iperattività della Jungle e della drum and bass, mantenendo sempre inalterati le radici profonde della bassline dove il BEAT ne fa da padrone.
Questa volta, ai piatti della nostra console, CARLO MALITO ci accompagnerà in un viaggio tra la pura dubstep, la deep, la UK garage, UK funky e la footwork di Chicago.
Un viaggio suburbano fatto di suoni e percezioni che riecheggiano gli ambienti fumosi Londinesi, dove le percezioni si fan quasi industriali, avvolte in un groviglio di beat e bassi che creano quel famoso ‘“hardcore continuum”, bandiera del clubbing UK.

////////////////////////////////////////////////////

Carlo Malito, classe 1991, nasce come Mc nel 2005 con il nome di Trash.
I primi anni della sua adolescenza sono stati profondamente segnati dalla cultura Hip Hop.
Amante della musica a 360 gradi, inizia il suo approccio con la musica elettronica nel 2009. Bassline,diventa la parola chiave della sua ricerca musicale.
Nel 2010 compra il suo primo giradischi ed inizia a comprare e collezionare vinili.
Resta affascinato dai suoni più classici del dubstep,del dub/reggae,della jungle e della drum n’bass.
Nel 2011 inizia il suo percorso musicale come Dj che lo hanno portato a condivedere la consolle con artisti come Subsonica, Dr.Lektroluv, Dargen D’Amico e altri artisti locali.
I viaggi in Inghilterra sono stati fondamentali per toccare con mano quella cultura, per conoscerne ogni sottogenere e lasciarsi perdere tra i suoni del Garage,del 2Step/Uk Funky e del Grime.Nei suoi set è Bass music a tutti gli effettì.

15.11.014
GAIA RAMONA

Gaia Ramona Dj set

////////////////////////////////////////////////////

Gaia Ramona, Dj musicista e produttrice, inizia la carierà da dj all’età di 15 anni, affascinata dal mondo della club music e dalla nightlife mondana.
I 12 anni di piano, 6 di chitarra da musicista e l’influenza dei viaggi in Inghilterra, USA e Germania (dai cui ne assorbe i nuovi sound), le apportano una conoscenza musicale che ne contraddistinguono i set e la portano a scrivere soundtracks per sfilate di moda e pubblicità.
Resident fin dagli albori della storica serata LONDON LOVES al Plastic Club di Milano, gira i migliori clubs per l’Italia condividendo la scena con dj e musicisti internazionali.
Abituè della fashion life, collabora costantemente con LOUIS VUITTON come Dj e Consulente musicale.
Ma anche Pucci, Marc Jacobs, Moschino, Galliano Fiorucci e Adidas per citarne alcuni.
Dopo un lungo lavoro di ricerca, collabora con Damo Suzuki dei CAN (http://en.wikipedia.org/wiki/Can_(band)) per il FILM FESTIVAL di Reykjavick nel 2012 per poi fondare MARMERIE STUDIO, un centro poliedrico attorno al quale gravitano artisti, fotografi e personalità di vario genere senza nessun necessario punto in comune.
Lo Studio è la casa base di un’etichetta indipendente, Wo land il cui intento e’ quello di produrre musica sperimentale per i più differenti contesti e scenari.

http://it.wikipedia.org/wiki/Plastic_(locale)

01.11.014
KODE_1 COMME DES GARCONS

Soulany Dip aka Gianclaudio

“A che cosa faccia appello la musica in noi è difficile sapere; è certo però che tocca una zona così profonda che la follia stessa non riesce a penetrarvi.”
Emil Cioran

Stasera diamo il via alla serata COMME DES GARCONS
IDM (Intelligent dance music), la sospensione del tempo, intesa come fine di ogni coercizione, l’ideale della musica per fa assaporare l’essenza dell’IO più intimo, cercando di esprimere attraverso la musica ciò che non può essere detto con le parole.

////////////////////////////////////////////////////

Soulany Dip,aka Gianclaudio D., è un progetto di music design che attraversa i meridiani afro-jazz-funk-soul con produzioni (save the vinyl) mid-downtempo-glitch-dub-intelligent&tech.
Come un “apriscatole dell’anima”. (H.Miller)

“Non essere” per una sera è tutto quello che si chiede. Piccoli “niente” di cui la vita dell’individuo odierno ha bisogno per rinascere e vivere un’altra settimana ancora. E ancora e ancora e ancora…

31.10.014
THIS IS CLUBBING

JAY TOOL Dj set
RAIS Dj set

Il 31 Ottobre, in concomitanza con Halloween, daremo il via alla serata THIS IS CLUBBING, la prima di tante serate ispirata alla vera scena Clubbing Inglese.
Il Clubbing (anche conosciuta come club culture) è la pura essenza underground d’oltre manica,
dove la BASS MUSIC, mai cristallizzata in un solo genere, oscilla fra la Uk Garage più profonda, la ritmica spezzata della dubstep, l’iperattività della Jungle e della drum and bass, mantenendo sempre inalterati le radici profonde della bassline dove il BEAT ne fa da padrone.
Dietro i piatti, i Djs KODE_1 JAY TOOL e RAIS, ci accompagneranno in questo viaggio suburbano fatto di suoni e percezioni che riecheggiano gli ambienti fumosi Londinesi, dove le percezioni si fan quasi industriali, avvolte in un groviglio di beat e bassi che creano quel famoso ‘“hardcore continuum”, bandiera del clubbing UK.

////////////////////////////////////////////////////

JAY TOOL Dj set (KODE_1)

Lu Tola aka Jay Tool nasce come Mc e Breaker per poi avvicinarsi, nel 2007, al mondo del Djing, dove colleziona numerose collaborazioni importanti con artisti del calibro di Chemical Brothers, KODE9, Capibara, Tayone, Gruff, Skizo, Esa & Tormento, Kaos One, Moddie, Assalti Frontali e Sangue a Mostro.

////////////////////////////////////////////////////

RAIS Dj set

Classe 1987, inizia a giovanissimo ad appassionarsi al mondo del djing, infatti all’età di 14 anni acquista il suo primo giradischi con cui inizia a sperimentare i primi scratch, affascinato dal mondo dell’hip hop. Dopo alcune serate nei club della provincia dove la techno-minimal in quegl’anni la fa da padrona, l’esperienza nei party privati e illegali, lo portano ad innamorarsi di suoni acidi e duri, svariando nei suoi set tra l’immortale dubstep, ricercata techno e pura jungle.